Fascia pediatrica e disturbi alimentari infantili

Indice articolo

Il Ministero della Salute sottolinea come i Disturbi del Comportamento Alimentare  e della Nutrizione (DNA) costituiscano una delle patologie emergenti di maggiore interesse in quanto si stanno diffondendo con notevole rapidità e riguardano fasce sempre più ampie di popolazione. Per questo motivo diventa fondamentale soffermarsi già sui disturbi alimentari in fascia pediatrica, per prevenire quelli in età adolescenziale e adulta.

Disturbi alimentari in fascia pediatrica: sono in aumento

Bambini e disturbi alimentari: disturbi alimentari in fascia pediatricaNon è infrequente oggi osservare dei capricci o delle bizzarrie alimentari anche nei bambini molto piccoli o neonati. Spesso sono quadri transitori, ma ugualmente si configurano come indicatori preziosi rispetto ad un disagio, ad un malessere del bambino.

Risulta quindi importante poter interrogare quanto sta accadendo, quanto il bambino, attraverso lo strumento cibo, sta cercando di comunicare.

Il ruolo del pediatra

Di notevole utilità, in questo contesto, è l’interazione con il pediatra, specialista in grado di sottoporre il bambino a quegli accertamenti medici necessari a verificare se vi siano cause di tipo organico che potrebbero ingenerare tali capricci o bizzarrie.

Il ruolo dei genitori

Unitamente al lavoro dei professionisti (psicologo psicoterapeuta e pediatra) è fondamentale l’apporto dei genitori del piccolo in quanto nessuno può conosce il bambino meglio della sua mamma e del suo papà e fornire così agli specialisti quelle indicazioni preziose che permettono di leggere la situazione.

Video: “Disturbi alimentari in fascia pediatrica: dalla paura di crescere al timore di ingrassare”

Intervista rilasciata dalla dott.ssa Valentina Carretta, Psicologa Psicoterapeuta, Membro del Tavolo Tecnico Psicologia dei Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia, alla Rivista Bambini e Genitori sul tema dei disurbi alimentari in età pediatrica.

Anoressia precoce e ARFID

Disturbi alimentari pediatriciPer ulteriori approfondimenti sui disturbi dell’alimentazione e della nutrizione in fascia pediatrica si rimanda agli articoli “Anoressia precoce: il rapporto dei neonati con il cibo” e “ARFID: disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione del cibo”.

Approfondimenti cartacei

Breve guida per genitori disorientati. Anoressia, bulimia, obesità e altri disturbi alimentari... si può guarire
Acquista su Amazon
Obesità, sovrappeso e disturbi alimentari: una lettura psicoanalitica. Patologia dell'oralità, patologia della dipendenza, patologia del legame con l'Altro
Acquista su Amazon
Torna in alto